20 settembre 2016 Antonella Falsaperla

Summer School GIÀ: uniti contro le mafie!

10535559_417607951731250_2869787040595092184_o

Anche quest’anno l’associazione Libera di Catania ha promosso la Summer School GIA’ – GiovanInnovAzione, in collaborazione con il Consorzio Arca e con le Università di Catania e Palermo.

La sede della 5^ edizione di questa summer school è un bene confiscato alla mafia, il fondo agricolo Casa Bianca, che è gestito dalla Cooperativa Beppe Montana ed è situato a Belpasso. I protagonisti sono 35 ragazzi che, domenica scorsa, hanno dato il via a questa nuova esperienza fuori dal comune.

La parola scuola, in greco skholé, indicava l’ozio e il piacere di divertirsi durante il tempo libero. Concetto ben lontano dal nostro, ma molto vicino a quello promosso da Libera che offre la possibilità di far immergere i ragazzi in un vero e proprio percorso di autoimprenditorialità, innovazione sociale e di economia civile.

photo132348305285949493

L’obiettivo comune è un progetto di riuso innovativo di un bene comune e la riqualificazione del territorio, cercando di sfruttare il legame tra tecnologia e cura dell’ambiente.

La scelta di un bene confiscato alla mafia funge da stimolo a questi giovani perché si mettono in gioco per riuscire in qualcosa di complicato, ma non impossibile. Hanno già “messo i piedi in faccia ai mafiosi”, presentandosi in  quel fondo agricolo, e continueranno a farlo in questi giorni dando nuova vita a quest’ultimo con un’idea progettuale socialmente innovativa e civile.

photo1061419438729963440

Abbiamo avuto l’onore di inaugurare questa summer school, grazie a Umberto Di Maggio che ci ha incaricato di guidare i ragazzi verso la meta finale, un unico progetto frutto di 35 idee.

Abbiamo coinvolto i ragazzi in una fase di networking per farli conoscere meglio e abbiamo ascoltato le singole idee dopo una fase di formazione sul pitch da tre minuti. I ragazzi si sono immersi nella presentazione delle idee.

Sentir parlare di riqualificazione delle arti e mestieri antichi, di coltivazioni di sulla e rinascita dell’agricoltura, di laboratori interattivi per bambini e di rivalutazione turistica ci ha stupito particolarmente ed abbiamo apprezzato ogni idea.

photo788904541187844029

Ridurre tutte le idee a tre non è stato semplice, ma abbiamo definito tre macro-categorie, quali cultura, turismo ed agricoltura, e dopo un momento di brainstorming i ragazzi sono riusciti nell’intento.

Il progetto relativo alla prima categoria prevede una scuola in cui proporre dei corsi riguardanti arti e mestieri antichi la mattina, creare laboratori interattivi per bambini il pomeriggio e spettacoli e/o eventi di intrattenimento e aggregazione la sera.

Il secondo, relativo al turismo, propone uno spazio fisico di accoglienza per i turisti con possibilità di soggiorno e ristorazione, oltre all’offerta di prodotti tipici siciliani ed eventi d’intrattenimento.

E infine, l’agricoltura è stata supportata da un’idea riguardante i prodotti tipici della nostra terra, della loro vendita a km 0, dell’attenzione alle intolleranze e pet theraphy.

photo788904541187844044

Da queste tre grandi idee, simili in molti punti tra loro, nascerà l’idea-progetto finale che sarà il frutto di questa summer school, che si concluderà sabato.

E’ stata un’esperienza davvero unica e, soprattutto, diversa da quelle a cui siamo abituati.

Auguriamo buona fortuna e buon lavoro ai ragazzi!

Please follow and like us:
Tagged: , , , , ,
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial