Seejay lancia la sua campagna di funding equity based.

di Alessandro Scuderi

Sono giorni importanti per la startup Seejay. Dopo aver lanciato la nuova versione –  e orientato il proprio modello di business verso il B2B – lancia la sua campagna di funding equity-based, puntando a raccogliere 150.000 € offrendo una quota del 15,79%.

Seejay è una piattaforma che consente di raccogliere, organizzare e pubblicare contenuti prodotti sui social network come video, immagini e testi, permettendo di costruire in tempo reale la narrazione di un determinato accadimento, evento o prodotto. 

Saranno quindi gli stessi utenti a creare i contenuti. I brand e publisher che utilizzano Seejay non devono fare altro che raccogliere i contenuti sul social wall personalizzabile della piattaforma.

Grazie ad un algoritmo di ricerca semantica, l’utente di Seejay potrà raccogliere, organizzare ed integrare sul proprio Social Wall tutte le notizie, i commenti e i contenuti (testo, immagini e video) prodotti sui social network a partire da una o più parole chiave già referenziati e geolocalizzati, creando una narrazione allo stesso tempo organica e partecipata.

Ma i benefici non si fermano qui: oltre a raccogliere ed ordinare i contenuti, l’utente potrà, grazie al maggior coinvolgimento e valorizzazione del suo pubblico, aumentare il traffico verso il proprio sito e in generale la propria presenza sulla rete, migliorando il proprio SEO. Sarà inoltre più facile ottenere dati e analisi sulla propria utenza, necessità cruciale non solo per i media, ma anche per le aziende che vogliono creare una campagna di marketing mirata per i propri prodotti e hanno bisogno di un profilo della proprio pubblico sulla rete quanto più accurato possibile.

La nuova versione, oltre a presentare una veste grafica più accattivante, rende più semplice ed efficace la raccolta di contenuti, grazie ad algoritmi semantici migliorati e alla possibilità di utilizzare filtri. Il processo di creazione della storia è adesso più fluido e strutturato in tre passaggi: collezione e selezione dei contenuti, personalizzazione e infine la pubblicazione del Social Wall.

Con questo aggiornamento, che permette di costruire in tempo reale uno «storytelling collettivo» Seejay si orienta verso il mercato B2B, puntando a “clienti” come brand ed editori che avranno anche la possibilità di usufruire di strumenti di analisi dell’utenza e del sentiment avanzati.

Insomma, Seejay è una realtà che punta ad aumentare la qualità dell’informazione e della comunicazione al tempo dei social network e a diventare uno strumento indispensabile per media e aziende. Le potenzialità sono enormi e non è certo una novità.

È indicativo, poi, che tra i circa 100.000 utenti si trovino di testate nazionali e brand importanti abbiano già usato la piattaforma, come ad esempio Kellogg’s, Repubblica o Il Messaggero che ha scelto Seejay per raccontare il processo di beatificazione dei papi Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II il 26 aprile scorso.

Seejay funzioni

Non è quindi un caso se, ad esempio, nel 2013 al Web Summit di Dublino, l’evento europeo più importante in tema di startup, Seejay fu inserita tra le startup selezionate; o se è stata proclamata vincitrice di Mind the Bridge 2014  con tanto di ammissione alla scuola MTB di San Francisco.

Adesso Seejay ha lanciato una campagna di funding equity based sulla piattaforma Siamo Soci. L’obiettivo è arrivare a 150.000 euro promettendo agli investitori una quota complessiva del 15.79% partendo da un investimento minimo di 10.000 euro.

Mica male per una realtà che, oltre ai riconoscimenti già citati, va a proporsi in due mercati in fortissima espansione: i servizi cloud per l’editoria e i servizi di digital marketing.

Gli investitori non mancano: hanno già fatto il loro ingresso in società due business angel che hanno portato 20.000 euro ciascuno e Club Italia Investimenti 2, che ha portato in dote 50.000 euro, oltre l’incubatore Nana Bianca. La stessa campagna di funding è partita alla grande, registrando un’investimento complessivo di 20.000 euro già nei primi giorni.

Qui potete accedere alla piattaforma di funding Siamo Soci, leggere l’Executive Summary e scoprire il Team di Seejay.

Please follow and like us:

Call for ideas: una settimana in più per approfittarne

di Alessandro Scuderi – YoutHub prolunga la scadenza per presentare le idee all’8 marzo. Partecipare significa credere davvero alla propria idea e decidere di farla crescere sul serio.

Avete avuto una grande idea, e siete certi di poterla trasformare nel vostro lavoro.

Ne avete parlato con amici e parenti. Alcuni vi hanno incoraggiato ad andare avanti, altri si sono perfino offerti di entrare a far parte del progetto. Un programmatore, un esperto di business… non manca niente.

Si comincia a lavorare, nella tua stanza. Tanto bastano un paio di portatili ed una connessione. Siamo nel ventunesimo secolo, si può lavorare ovunque.

Il progetto va avanti, l’entusiasmo è alle stelle. Poi capita di incontrare qualcuno e raccontargli il tuo progetto. Già pregusti il suo entusiasmo, i suoi complimenti e magari un supporto economico.

great big ideas

E invece scopri che un prodotto simile esiste già, o magari che è sì valido, ma inguardabile.

O peggio: scopri che non ha capito niente perché non sei stato in grado di spiegare il tuo progetto, di centrare il punto. Non sei riuscito a sintetizzare il tuo executive summary all’interno della soglia di attenzione del tuo interlocutore. Ma forse non ce l’avevi nemmeno, l’executive summary. E non avevi idea ci fosse una soglia d’attenzione.

Se solo avessi avuto un esperto di comunicazione ad aver impostato una strategia, e un grafico a rendere la tua user-experience accattivante! Ma non ce li hai un grafico ed un esperto di comunicazione, non pensavi di averne bisogno.

Sono i pericoli del tenere il tuo progetto al sicuro chiuso nella tua stanza, del tenerlo al riparo dalle critiche degli altri. Del resto farsi i complimenti a vicenda è facile e mette di buon umore, ma sono le batoste quelle che fanno crescere.

Coworking

Adesso le batoste le hai prese, ma non sai come recepire le critiche, far cambiare rotta al tuo progetto. Perché a criticare sono bravi tutti, ma a dare consigli, a seguirti e donarti la loro esperienza e competenze un po’ meno. Anche perché le persone con delle competenze reali sono difficili da trovare e in genere vogliono essere pagate.

YoutHub ti offre un’occasione di quelle imperdibili. Abbiamo deciso di prolungare la scadenza della nostra Call for Ideas all’8 marzo. Chi vince potrà sfruttare gratuitamente la grande esperienza del mondo startup del board di YoutHub, oltre al poter lavorare in un luogo come l’acceleratore Working Capital di Catania insieme ad altri startupper coi quali confrontarsi e scambiare idee e opinioni.

È ora di crescere e fare sul serio. Se pensate di avere un progetto valido, partecipate al nostro bando. Le istruzioni le trovate qui.

Please follow and like us:

YoutHub lancia la Call for Ideas di Febbraio

di  Alessandro Scuderi – YoutHub lancia la sua call for ideas mettendo in palio due spazi di coworking al WCap ed 8 ore di mentorship gratuite. Scadenza a mezzanotte del 8 marzo.

Come già annunciato alla riunione soci del 14 febbraio, YoutHub continua la sua missione di trasformare idee innovative in startup di successo lanciando una nuova Call for Ideas.

In collaborazione con Working Capital, la nostra associazione mette in palio due spazi di co-working nella sede catanese dell’acceleratore di Telecom Italia. Ma in palio non ci sono solo un tavolo e la connessione internet: c’è l’opportunità di usufruire dell’esperienza del board YoutHub, maturata anche in seno al Wcap Catania come mentor, con 8h di consulenza.

Durante il periodo di coworking, infatti, le startup vincitrici potranno usufruire dell’occasione unica di essere seguiti dal board di YoutHub sui temi di sviluppo, design, comunicazione, marketing e business.

L’occasione è di quelle da prendere al volo, anche perché per partecipare alla Call for Ideas è sufficiente avere un progetto interessante, essere membri dell’associazione YoutHub (per iscrivervi è sufficiente inviarci una mail per prenotarvi e compilare il modulo al primo incontro utile) ed inviare entro la mezzanotte dell’8 marzo:

  • Un video da 1 minuto che racconti l’idea, il team e la portata innovativa della proposta;
  • L’executive summary del business plan da 2 pagine, (clicca qui per leggere un suggerimento) che spieghi il problema dal quale si è partiti, la soluzione proposta per risolverlo, il mercato di riferimento, i competitors, il go to market, la user/client acquisition, il revenue model ed il team.

Il video verrà caricato sui canali Youtube, Facebook e Twitter di YoutHub e sarà valutato sulla quantità di engagement conseguito (apprezzamenti e visualizzazioni), cumulativo fra tutti i canali sociali utilizzati.

L’executive summary verrà valutato in maniera indipendente dal board dell’associazione, sulla base della innovatività dell’idea proposta, realizzabilità e competenze del team.

Il video e l’executive summary dovranno essere inviati ad info@youthub.net entro le 23.59 di domenica 1 marzo.

I vincitori saranno proclamati alle ore 10 del 16 marzo sul sito YoutHub e durante l’Appuntamento delle Idee le startup vincitrici avranno l’opportunità di presentare i loro progetti a tutta la community.

Questa è l’occasione che aspettavate per dare forma al vostro sogno, non perdetela!

Please follow and like us:

Avere qualcosa da dire è sempre più importante che aspettare a dire qualcosa - John M Capozzi

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial